Daniele Chieffi ospite di un panel su Crossmedialità ed editoria al Salone del libro di Torino – Il report di Giacomo Dotta (Webnews.it)

Webnews ha organizzato al Salone del Libro di Torino 2015 un panel focalizzato sulla crossmedialità: ospiti Daniele Chieffi, Giacomo Dotta ed Edoardo Fleischner.

Quando sono finiti gli anni ’90?

  • Nel 1999
  • Con la pace tra Oasis e Blur
  • Nel momento in cui la “crossmedialità” ha preso il posto della “multimedialità”

Se la terza ipotesi affascina più delle due precedenti, allora val la pena approfondire l’argomento. E la sede ideale è stata quella del Salone del Libro di Torino, ambito “Book to the future”, in cerca di spunti per leggere l’importanza della crossmedialità nel mercato editoriale odierno.

Il panel organizzato da Webnews ha visto come ospiti Daniele Chieffi, responsabile delle comunicazioni online di Eni nonché direttore della collana di saggistica crossmediale Neo (editore Franco Angeli), ed Edoardo Fleischner, già autore per Treccani e Rai ed oggi consulente guru di Rai Expo.

(…)

Parlando di crossmedialità al Salone del Libro di Torino 2015
Parlando di crossmedialità al Salone del Libro di Torino 2015 (immagine: Liborio Lillo Cali).

Neo, il laboratorio crossmediale di Franco Angeli

Neo è la concretizzazione viva del concetto teorico di crossmedialità: una collana di saggistica crossmediale, infatti, si pone l’obiettivo di andare oltre il classico concetto di “libro” per inseguire un modello di maggior soddisfazione e completezza. Per molti versi, grazie a Neo, il libro fugge da sé stesso e si propone con approccio “disruptive” nel tentativo di abbattere soprattutto il limite temporale. Il libro, insomma, non può e non deve più rimanere imprigionato al momento stesso in cui l’ultimo carattere dell’ultima pagina è stato stampato. Questo limite, infatti, è proprio della stampa e della cultura chirografica, ma gli attuali mezzi di diffusione consentono al processo di andare oltre.

Continua a leggere l’articolo di Giacomo Dotta su Webnews.it